Tappetini per il mouse: migliori prodotti di Ottobre 2021, prezzi, recensioni

Non molto utilizzati negli ultimi tempi, i tappetini per il mouse stanno tornando in auge in nuove forme e funzioni. In questo articolo ci occuperemo di scoprire le ragioni di questo ritorno e quali sono le caratteristiche che definiscono i migliori tappetini per il mouse.

Storia

I tappetini per il mouse hanno una storia bizzarra alle loro spalle, in voga per molto tempo sono lentamente decaduti con l’avvento dei mouse LED o Laser. Le ragioni della loro nascita si rintracciano nel funzionamento dell’antenato dei nostri mouse.

I primi modelli del simpatico device, nominato così per la somiglianza ad un topo (in inglese appunto mouse), comunicavano il movimento della freccetta al nostro schermo attraverso una semplice pallina. Questa sfera di acciaio rivestita in gomma, scivolando sul piano da lavoro, attivava all’interno una serie di meccanismi che riflettevano questo movimento sul monitor. Questa conformazione però richiedeva alla pallina uno spazio in cui muoversi e muovendosi trascinava al suo interno sporco e impurità, rischiando di danneggiare ogni volta le componenti del mouse.

Così si è arrivati alla produzione di tappetini che andassero a completare gli accessori necessari per il funzionamento del nostro antico mouse. Questi supporti di gomma rivestita, infatti, garantivano non solo una superficie uniforme su cui spostarsi, ma anche una protezione dallo sporco che poteva depositarsi sulla scrivania.

Con l’avvento delle luci LED e Laser che trasmettono il segnale al posto della pallina, questo spazio per le impurità è svanito e per questo i mousepad, o tappetini per il mouse, sono lentamente decaduti, ma non morti. Questo ha permesso negli ultimi anni un ritorno con stile, grazie anche all’esplosione del comparto gaming.

Dimensione

Il ritorno dei tappetini si è verificato probabilmente negli ultimi cinque anni e nel farlo è cambiato molto.

Oggi ogni buon tappetino per il mouse che si rispetti è molto grande. Nelle precedenti versioni il mousepad non era altro che un quadrato, abbastanza piccolo, oggi sono delle stuoie lunghe quanto preferiamo che vanno ad ospitare il mouse, ma anche la tastiera e altri device.

Questa grandezza favorisce diverse proprietà tecniche che analizzeremo tra poco, ma permette anche un effetto scenico particolarmente efficace. Il design dei mousepad dunque non è più qualcosa di posticcio messo lì per esigenze funzionali, ma ha un proprio stile e senso d’essere.

Proprietà tecniche

I tappetini di oggi, persa in parte l’originale funzione, si sono dovuti reinventare e l’hanno fatto egregiamente.

In parte continuano a mantenere i nostri mouse puliti e sicuramente garantiscono un’ampia superficie di scorrimento per il nostro device. Infatti ora il mouse grazie all’ampiezza del tappetino non sarà più costretto in pochi centimetri claustrofobici, ma potrà svagare quasi senza limiti.

Questa ampiezza si abbina perfettamente alle proprietà antiscivolo di ogni moderno tappetino. Se i precedenti antenati scivolavano in giro per il piano in legno della nostra postazione, quelli di oggi sono sempre dotati di uno strato antiscivolo collocato sul fondo. Questo elemento, solitamente realizzato in gomma, mantiene il prodotto saldo sulla sua posizione, favorito anche dalla rinnovata dimensione.

Un’altra proprietà tecnica da non sottovalutare è la capacità waterproof dei materiali utilizzati. I tappetini oggi sono generalmente anti schizzo, dunque qualunque accidentale rovesciamento di liquidi su di esso, potrà essere prontamente asciugato e ripulito.

Marche

In questo ambito le marche sono molto variegate e non sempre sono le stesse che siamo abituati a vedere in ambito informatico. Questo è motivato semplicemente dalla natura del tappetino, che è quasi più un prodotto sartoriale che un prodotto da utilizzare in abbinamento al proprio computer.

Di seguito un breve elenco:

  • AUKEY
  • Razer
  • TeckNet

Innovazioni

In questo ambito si sta sperimentando molto. Una delle opzioni innovative che possiamo includere come necessaria nei tappetini migliori sono delle luci LED. Queste lampadine stanno invadendo tutti gli ambiti, soprattutto quello informatico e i tappetini non potevano esimersi da unirsi alla squadra. Le luci LED oltre ad avere un riscontro scenico eccezionale, consentono a chi utilizza il tappetino di vedere con precisione i contorni dello stesso. Molto utile nel caso di tappetino nero su scrivania nera.

Altra innovazione interessante con cui chiudiamo questa ricerca al miglior tappetino per il mouse, riguarda la ricarica wireless. Questo tipo di ricarica è nata dai telefoni e consente di ricaricarli semplicemente appoggiandoli su un apposito device. Qualcuno in Logitech ha pensato che i tappetini potevano essere una perfetta base per ricaricare wireless il mouse o la tastiera e ha creato un mousepad apposito.

Oggi questa tecnologia deve ancora fare passi avanti, ma siamo sicuri che il mercato saprà sorprenderci in futuro. Una ricarica wireless di mouse e tastiera sancirebbe l’addio al terribile pensiero di dover ricaricare i nostri dispositivi senza fili, basterà tenerli appoggiati sul tappetino e faranno tutto da soli. Inoltre più grande sarà il tappetino, più dispositivi potremo metterci: telefono, cuffie, rasoi, e quant’altro possa essere dotato di una tecnologia di ricarica wireless.

Perché ovviamente il tappetino ricarica, ma il device deve essere compatibile: non ci proverei con un Nokia 3310.

Lavoro da anni nel mondo dell’editoria web, scrivendo per varie testate, progetti e temi. Cultura, fotografia, arte, politica, storia, eventi, la scrittura in ogni sua forma e variante rappresenta la mia massima ambizione.

Back to top
menu
sceltatastieraemouse.it